Il centro geografico delle Dolomiti: la Valle Ombretta

Coppie

Famiglie

Foodie

In fuga dalle grandi città, alla ricerca di natura e relax

Individuali

Local culture explorer

Piccoli gruppi

Viaggiatore attivo

icon Calma Calma

icon Gusto Gusto

Immagina una valle incantata, dove il tempo sembra fermarsi e gli unici rumori che sentiamo sono i campanacci delle mucche al pascolo e i simpatici fischi delle marmotte, le vere padrone di casa. Proprio qui, in Valle Ombretta, si trova un particolare totem in legno che racchiude un cuore in pietra: il centro geografico delle Dolomiti! La maestosa parete sud della Marmolada da un lato, le pareti rocciose del Monte Fop dall’altro … in questo luogo magico sembra davvero di essere abbracciati dalle Dolomiti!

Partiamo dal parcheggio del Camping a Malga Ciapela e seguiamo per il primo tratto la tranquilla strada asfaltata chiusa al traffico, fino a raggiungere Malga Gran Pian. Già in questo primo tratto, assaporiamo l’incredibile tranquillità di questo piccolo angolo di paradiso. Attraversato un ponticello in legno imbocchiamo la ripida strada bianca sterrata che sale nel bosco. Aiutandoci con i bastoncini da trekking guadagnamo presto quota e raggiungiamo il bivio che a sinistra ci porterebbe all’altrettanto affascinante Valle di Franzedas … ma questa è un’altra storia. Oggi invece, seguiamo la mulattiera a destra in direzione di Malga Ombretta.
Il panorama che di apre qui è unico: il Piz de Guda che domina fiero su Malga Ciapela e sulla Val Pettorina che si apre di fronte a noi, con le Crepe Rosse da un lato e in lontananza il Monte Cernera. Percorsi alcuni tornanti della comoda mulattiera contornata dal pino mugo con il suo inconfondibile profumo, giungiamo in breve tempo all’entrata della Valle Ombretta.
La vista mozzafiato che si apre davanti a noi è incredibile … per un momento ci sorprendiamo ritornare bambini, osservando ogni cosa con stupore e non riuscendo a smettere di sorridere con i nostri occhi.
Anna Maria ci accoglie subito nella sua Malga con una squisita fetta di strudel e una ciotola di yogurt freschissimo. Ci sentiamo davvero in pace con il mondo intero! Da qui in poco tempo raggiungiamo il famoso totem, posto nel centro esatto delle Dolomiti e lasciamo indelebili i nostri pensieri scrivendo sul diario di vetta.
Dopo una tappa da Dante e Franca al Rifugio Falier, poco più su, facciamo ritorno sui nostri passi, con impresse nella nostra mente le incredibili immagini e sensazioni vissute oggi.

 

Photo credits: Heart of the Dolomites

Elementi logo

Elementi correlati

Alla scoperta degli antichi Romani al Tapp da le Parole

Vi sareste mai immaginati che proprio ad Alleghe passava un antico confine Romano? Ai Piani di Pezzè potrete fare un...

Trekking in Val Corpassa alla scoperta del giardino alpino

Immagina di entrare in una valle stretta e accompagnata dal rumore sordo dell’acqua che scende, e di alzare lo sguardo...

Cima Sasso Bianco

Montagna secondaria se paragonata alle classiche cime di Civetta, Marmolada o Pelmo, la cima del Sasso Bianco è forse uno...

Alla scoperta delle Eivane del Lèch dai Giai

Le Eivane sono delle bellissime ragazze, che vivono ai piedi delle Cime d'Auta, in un lago verde smeraldo incastonato in...