Quando al tramonto il monte Pelmo si specchia sul lago

Coppie

Famiglie

In fuga dalle grandi città, alla ricerca di natura e relax

Individuali

Viaggiatore attivo

icon Calma Calma

icon Ispirazione Ispirazione

Hai mai immaginato che una montagna tutt'a un tratto potesse tuffarsi in un lago? No, non è uno scherzo: è quello che accade al Lago delle Baste quando, al tramonto, il Pelmo si specchia nelle sue acque. All’improvviso è magia e appaiono ai nostri occhi due montagne … una reale ed una riflessa, che creano così uno spettacolo naturale unico per fotografi e spettatori.

Partiamo dal passo Giau imboccando il sentiero n.436 dell’Alta Via n.1 che ci porta in breve tempo a Forcella Piombin. Se siamo fortunati, qui possiamo intravedere i camosci che pascolano lungo le creste del vicino Monte Cernera.
Scendendo lungo facili roccette intravediamo Forcella Giau che, con la sua altezza di 2360 metri, ci attende: tranquilli, questa salita sarà per noi l’unico punto davvero faticoso!
Conquistata la forcella rimaniamo a bocca aperta di fronte allo spettacolare panorama che si presenta davanti a noi: Tofane e 5 Torri da un lato e Lastoi di Formin con l’altopiano di Mondeval de Sora dall’altro.
Scendendo lungo i pascoli erbosi intravediamo già il Lago delle Baste, nostra meta di oggi.
Superati alcuni grandi massi staccatisi dai Lastoi di Formin, detti “La Città di Sassi”, raggiungiamo il piccolo laghetto. La pace e il silenzio che vi troviamo ci incantano di fronte a tanta bellezza.
Fatte le foto di rito possiamo proseguire raggiungendo in breve tempo il Sito della Sepoltura Mesolitica dove fu ritrovato l’Uomo di Mondeval, i cui resti si trovano oggi al Museo Vittorino Cazzetta a Selva di Cadore, nei pressi di Colle Santa Lucia.
Per i più allenati è possibile prolungare l’escursione in direzione di Forcella Ambrizzola per poi proseguire verso Croda da Lago a sinistra oppure verso il Rifugio Città di Fiume a destra.
Riprendiamo poi il sentiero n.436 che ci riporta al passo Giau per godere ancora un po’ della magnifica vista su Averau, Nuvolau e Ra Gusela.

 

Photo credits: Luca Dell’Osbel

Elementi logo

Elementi correlati

Tutte le Dolomiti in qualche passo: Dolomiti in miniatura

Immagina di avere tutti i 9 sistemi delle Dolomiti, patrimonio dell’umanità UNESCO …. a portata di pochi metri. Ebbene sì,...

Turchi a Bramezza? Scopri se è storia oppure leggenda

Incastonato fra i pascoli verdi alle pendici del Sasso Bianco sorge Bramezza, un antico villaggio di montagna dove ancora oggi...

La storia siamo noi, sotto il cielo di Arabba: l'Ossario del Pordoi

Un imponente torrione che si staglia nel cielo di passo Pordoi. La memoria di un passato che possiamo toccare con...

Sulla via del ferro: la Strada de la Vena

Quando storia e natura si uniscono. Una strada nel bosco, delle antiche miniere e un imponente castello: ecco gli ingredienti...