Scopri la vita del soldato nel museo più alto d’Europa

Coppie

Famiglie

Individuali

Local culture explorer

Piccoli gruppi

icon Ispirazione Ispirazione

C’è stato un momento in cui i pendii di roccia e le distese ghiacciate della Marmolada venivano tinte di rosso sangue ogni giorno. Una pagina triste della storia delle Dolomiti e dell’Europa intera: la Prima Guerra Mondiale. Scopri come vivevano i soldati austriaci e italiani, amici ma nemici, sul fronte dolomitico della Regina delle Dolomiti.

Entrare nel museo più alto d’Europa e scoprire la vita dura e terribile di chi lassù ha combattuto una guerra sanguinosa vi catapulta indietro di cent’anni e vi fa riflettere sul valore effimero della vita di fronte alla morte.
Il museo, recentemente ristrutturato, vi porta senza distinzioni di fronte a scoprire le condizioni disumane e al limite della sopravvivenza a cui erano sottoposti i giovani in trincea.
Percorrete il corridoio d’ingresso che vi porta nell’atrio, dove potete ammirare le bandiere ad aste incrociate del Regno d’Italia e dell’Impero Austro-ungarico. Segno che la pace, prima e dopo il conflitto, è ciò che davvero conta nella storia.
Ad ogni oggetto che osservi scopri qualcosa di nuovo. Le divise troppo leggere per il freddo glaciale della Regina delle Dolomiti, le scatolette di cibo, le armi rudimentali, ma soprattutto le storie dei soldati, le loro parole di angoscia e sofferenza.
Per entrare nel vivo inserisci la mano nel simulatore di freddo e subito percepisci un pizzicore alle dita, un gelo fisico e morale. Ti viene in mente un ragazzo di vent’anni, con pochi abiti e poca voglia di combattere. Senti il freddo che ha sentito lui, sulla tua mano e nel tuo cuore.
La guerra non è mai una cosa buona e visitare questo museo vi serve da monito per il futuro. La pace e l’amicizia, una volta usciti dalle sale, sono gli unici valori che contano per voi.

 

Photo credits: Heart of the Dolomites

 

cosa portare con te

Il museo è all’interno della stazione funiviaria di Serauta, quindi al riparo e al caldo. Oltre alla passione per la storia e all’empatia, portate però anche una felpa e scarpe comode per approfittare della location e fare due passi all’esterno.

informazioni utili

L’ingresso al museo è compreso nel ticket della funivia.
Disponibilità di visite guidate gratuite su prenotazione.
Verificare la presenza di mostre ed esibizioni estemporanee ed eventi a tema.
Elementi logo

Elementi correlati

Enrosadira delle Dolomiti: ammirando tramonti infuocati

Nella magica Valle di San Lucano, così come in tutto il cuore delle Dolomiti, si possono ammirare albe e tramonti...

A caccia di stelle nel cielo limpido delle Dolomiti

Milioni di stelle punteggiano ogni sera il cielo, ma spesso non riusciamo a vederle a causa della nostra frenetica vita...

La squisita pizza dolomitica con l’impasto d’orzo

La cucina è quella cosa che accomuna tutti popoli ed è il veicolo attraverso il quale conoscere ed apprezzare culture...

Un indimenticabile tramonto a Passo Fedaia

I colori che variano di secondo in secondo, la Marmolada e il Civetta che si specchiano nelle acque tranquille del...