Cesa de Jan

Coppie

Famiglie

Individuali

Local culture explorer

Piccoli gruppi

A Villagrande, nel centro storico di Colle Santa Lucia, si erge l’elegante edificio della Cesa de Jan. Conosciuta come casa Chizzali-Bonfadini, fu costruita nel 1612 per ospitare l'amministrazione delle miniere del Fursil dalla locale famiglia Chizzali. Divenuti eredi di una famiglia veneziana, cambiarono il cognome in Bonfadini e accumularono una fortuna in quei fiorenti anni, che gli permise di ottenere svariati titoli nobiliari sia dalla Serenissima che dal vescovado di Bressanone.

L’edificio è un condensato di architettura tirolese: il portale d’ingresso è introdotto da un’arcata con tracce di affreschi; sopra, un erker al primo piano e una bifora al piano successivo. Le pregevoli inferriate sono realizzate con lo stesso ferro estratto dai giacimenti del Fursil. Due barbacani sono visibili sulla parete est, aggiunti nell’Ottocento per rinforzare la struttura dopo un terremoto. Pregevoli e tradizionali sono anche gli interni, con le scale a chiocciola, simili a quelle del castello di Andraz, le stue rivestite in legno e i soffitti a volta.
La Cesa de Jan ospita oggi la sede dell’Istitut Cultural Ladin, che si dedica alla tutela del patrimonio culturale dei ladini di Colle Santa Lucia, Livinallongo del Col di Lana e Cortina d’Ampezzo, territori appartenuti al Tirolo fino alla fine della Prima Guerra Mondiale.

Cesa de Jan