Monte Pore

Coppie

Famiglie

In fuga dalle grandi città, alla ricerca di natura e relax

Individuali

Piccoli gruppi

Viaggiatore attivo

Il monte Pore (2405 m) si erge tra la Val Fiorentina e la Valle di Fodom, nei pressi del Passo Giau. La sua caratteristica forma a piramide ricorda un vulcano, le cui pendici erano utilizzate per la fienagione e la pastorizia.

I boschi e i prati brulicanti di rododendri, affascinanti licheni e piante officinali, offrono un ambiente da sogno per l’escursione alla cima, con partenza da Fedare su di una strada militare lastricata, che conduce a una chiesetta alpina in un pascolo costellato di fienili, per poi proseguire fino alla vetta.
In inverno il Pore è un’apprezzata meta sci alpinistica, ideale anche per meravigliose ciaspolate. Ma il Pore è soprattutto noto fin dal Medioevo per il suo ruolo chiave nella storia economica delle Dolomiti, poiché dalle sue pendici si estraeva un minerale di ferro dalle proprietà apprezzatissime in tutta Europa. La siderite manganesifera, lavorata nelle miniere del Fursil, permetteva di ottenere un metallo molto simile all’acciaio per elasticità, resistenza e bassa ossidabilità, ottimo per costruire armi da taglio.

Monte Pore