Rocca Pietore

Coppie

Famiglie

Individuali

Local culture explorer

Piccoli gruppi

Ai piedi della Marmolada, in posizione sopraelevata a pochi chilometri da Caprile e dal Borgo di Sottoguda, sorge Rocca Pietore, capoluogo dell’omonimo comune.

Attorno all’anno mille, Rukepraun (Rocca Bruna) nacque come un insediamento militare longobardo presidiato da una fortificazione e fino alla fine del ‘300 fu territorio tirolese.
Al Confine tra Tirolo e Repubblica di Venezia, nel ‘400 la “Magnifica comunità della Rocca” godé per ben 411 anni di una forte autonomia amministrativa. Ancor oggi il tribunale di allora, il Banch de la Reson, di recente restaurato ad uso abitativo, testimonia quest’epoca di autogoverno.
Passeggiando tra i tipici fienili, l’inconfondibile guglia ghibellina della Chiesa di S. Maria Maddalena svetta già in lontananza. L’edificio gotico del ‘400, dichiarato monumento nazionale, conserva uno straordinario Flügelaltar del 1518 del brissinese Ruprecht Potsch, con intagli e dipinti di finissima fattura. Dinamismo, armoniosità e lucentezza si fondono in tutte le pregiate opere d’arte e artigianato presenti in questo luogo di culto pervaso di spiritualità.
Tra gli abitanti illustri di Rocca Pietore ricordiamo Pellegrino Pellegrini, 1° Guida Alpina del CAI italiano che nel 1862 conquistò Punta Rocca con il viennese Paul Grohmann.

Rocca Pietore